Montone: uno dei borghi più belli d’Italia

A due passi da Città di Castello si trova uno dei più belli borghi dell’Umbria, forse tra i meno conosciuti.

Nell’Alta Valle del Tevere, in Umbria, sorge uno dei borghi più belli d’Italia, Montone. Ha origini medievali, e fu feudo prima dei Marchesi di Colle e dopo dei Del Monte. Seppure fosse sotto il controllo di Perugia già dal 1121 aveva la possibilità di amministrare alcuni spetti della cosa pubblica in autonomia dandosi degli statuti, il che per quel tempo era cosa molto rara.

Ebbe la forte influenza dei Fortebracci, documentata fin dal XII sec.  soprattutto tramite il condottiero Andrea, conosciuto come Braccio, che creò un forte stato in Italia centrale nei primi decenni del XV secolo, e che si stendeva tra le attuali Umbria, Lazio, Abruzzo. Fu uno dei più audaci tentativi di creare uno stato indipendente dal potere dello Stato Pontificio.

Nel 1414 Braccio ricevette l’investitura, per lui e discendenti, da Giovanni XXIII, considerato l’antipapa, che nel medesimo anno eleva a Contea il borgo di Montone (esattamente il 28 agosto). Dieci anni dopo anche Martino V (papa riconosciuto da tutti come legittimo) conferma l’investitura al figlio di Braccio, Carlo. Braccio morirà a breve, sempre nel 1424 nella battaglia dell’Aquila.

Carlo Fortebracci nel 1473, seguendo le orme del padre, combatte al servizio della Serenissima Repubblica di Venezia e caccia i turchi in mare, ricevendo in dono per questo atto valoroso una spina della corona di Cristo. Così Carlo invia a Montone la preziosa reliquia e decreta la festa della Spina il lunedì dell’Angelo. La festa si svolge ancora oggi, sebbene in date diverse (agosto) e si chiama festa della “Donazione della Santa Spina”

Montone fu annessa allo Stato della Chiesa a metà del Cinquecento una volta passata nelle mani della famiglia dei Vitelli (nei primi anni del XVI secolo).

Oggi il borgo si presenta come un intreccio di stradine, strette e tortuose, in salite e discese, e la presenza di architetture sovrapposte, andri scuri e freschi che si aprono su piccole piazze e orti interni.

Botteghe artigiane e casupole arroccate sulle antiche mura difensive fanno da contorno al quadro.

Nel 2010 Montone ha conferito all’attore e regista Terry Gilliam la città onoraria, tenuto conto che vive da tempo nel comune.

Montone si caratterizza per essere arroccato immerso al verde dei querceti e olivi, apparendo all’improvviso a chi sale i tornanti. Alto, armonioso ma austero al tempo stesso. Un’immagine medievale unica dove passeggiando per i suoi vicoli, ci si immerge in un ritmo di altri tempi. Il borgo è riuscito nel tempo a mantenere tutta la sua aurea storica. Solo in piazza il silenzio lascia lo spazio alle voci del borgo.

Importanti eventi culturali si tengono tutti gli anni, a partire dalla festa della Sacra Spina, alla rievocazione di Braccio Fortebraccio (insieme a Perugia), a Umbria film Festival, sino alla Festa del Bosco, una mostra mercato caratterizzata dalla presenza di prodotti tipici (salumi, formaggi, castagne, funghi, miele etc.) esposti anche all’interno degli antichi palazzi

Montone da sola vale il viaggio in Umbria.

Fonte

2018-08-30T10:32:42+00:00settembre 11th, 2018|Borghi|