Piante che riducono l’inquinamento domestico e purificano l’aria

Rendono l’ambiente casalingo più accogliente e più colorato, ma oltre a questo le piante sono anche anche in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo e un ottimo aiuto per limitare l’inquinamento domestico. 

Verso la fine degli anni ‘80 la NASA ha condotto uno studio approfondito sulla capacità delle piante da appartamento di purificare l’aria. Dalla ricerca è emerso un risultato molto interessante: le piante non solo sono in grado di assorbire anidride carbonica e di rilasciare ossigeno attraverso la fotosintesi clorofilliana, ma molte riescono addirittura a  neutralizzare sostanze organiche volatili (VOC) spesso presenti nelle nostre abitazioni, per esempio, solventi dissolti nelle vernici dei mobili, dai prodotti per le pulizie, dai riscaldamenti o dal nostro computer.  Abbiamo selezionato per voi 10 tra le piante maggiormente indicate a purificare l’aria delle vostre case.

Lingua di Suocera (Sansevieria trifasciata ‘Laurentii’)

Questa pianta da interni è una delle più efficaci per depurare l’aria. È in grado di filtrare e neutralizzare la formaldeide spesso presente nei prodotti per la pulizia, nella carta igienica o nei tessuti per la cura personale. Per la sua funzione il posto ideale è il bagno: saprà crescere adeguatamente anche con poca luce.

Ficus (Ficus benjamina)

Questa pianta molto diffusa negli appartamenti moderni, può aiutarci a filtrare molti agenti inquinanti come il tricloroetilene ed il benzene, ma anche la formaldeide, contenuta nei tappeti e nei mobili di casa. Il ficus non è una pianta facile da curare, ma con la giusta esposizione solare e un’annaffiatura regolare, può essere molto longeva.

Crisantemo (Chrysantheium morifolium)

I fiori del crisantemo oltre a donare una nota di colore alla vostra casa o al vostro ufficio, vi aiuteranno a filtrare sostanze normalmente presente nei collanti, nelle vernici, nelle plastiche e nei detersivi. Ricordate di collocarlo in un punto dove possa godere della luce intensa del sole per far germogliare i suoi fiori.

 Aloe (Aloe vera)

Questa pianta, appartenente alla famiglia delle succulente, è molto semplice da coltivare e può dimostrarsi un fidato alleato contro la formaldeide e il benzene. Un buon posto per collocarla potrebbe essere una finestra ben illuminata in cucina. Oltre alle sue proprietà purificanti dell’aria dal suo estratto si ottengono delle ottime creme lenitive per la pelle.

Pothos (Scindapsus aures)

Un’altra fedele alleata nella lotta alla formaldeide. È una pianta molto robusta in grado di crescere anche con scarsa luce, per questo vi consigliamo di posizionarla nel vostro garage, dove a causa dei gas di scarico l’aria sarà tutt’altro che pura.

Spatifillo (Spathiphyllum Mauna Loa)

Per poter produrre i suoi candidi gigli bianchi, questa pianta richiede un’ esposizione in penombra e una annaffiatura regolare. È imbattibile nella lotta dei più comuni composti organici volatili citati finora, ma risulta efficace anche con toluene e xilene.

Azalea (Rhododendron simsii)

Un arbusto fiorito per purificare l’aria dalla formaldeide presente nel compensato e nelle schiume isolanti. La sua capacità filtrante sembra essere maggiore se esposta in un luogo fresco, sempre ben illuminato.

Quale di questi meravigliosi purificatori naturali è presente nelle vostre case? Se non avete ancora provveduto a donare un tocco verde agli ambienti domestici, queste informazioni potranno orientare i vostri acquisti in base alla stanza in cui deciderete di posizionare le vostre piantine.

 

 

2018-03-30T12:40:38+00:00aprile 24th, 2018|Arredamento, Lifestyle|